Artista

Maurizio Milani: la grafica dei marchi e della segnaletica

designer milani

In una delle precedenti edizioni di Viscom Italia, la fiera della comunicazione visiva, ho avuto modo di partecipare ad un incontro tenuto da Maurizio Milani: “Informare con concretezza e comunicare con creatività”. Attraverso le sue opere ha parlato del percorso di creazione e l’importanza del linguaggio visivo.

Maurizio Milani ha una lunga carriera come graphic designer. Nel 1974 ha iniziato a lavorare come consulente grafico, ha collaborato per un breve periodo con Antonio Boggieri e Massimo Vignelli. Nel 1976 insieme al fratello fonda lo studio Armando e Maurizio Milani con sede a Milano e New York.

Si specializza in immagine coordinata (corporate identity), progetto del marchio (brand identity) e progetto della segnaletica (wayfinding). Le sue opere sono pubblicate sulle più importanti riviste di grafica italiane ed internazionali. Negli anni 80’ ha iniziato ad insegnare in diversi atenei come lo IED, il Politecnico di Milano l’Accademia della Comunicazione.

Milani è stato consulente d’immagine per diverse aziende a livello internazionale. Si è occupato di immagine coordinata per il Gruppo Zerowatt, Gruppo Cordenons Cartiere, Tessile di Como, Federazione Italiana Malattie Polmonari Sociali, Gruppo Italtel, Gruppo Enimont, Pietro Mezzaroma e Rione Rinascimento a Roma. Un progetto di comunicazione ha l’obiettivo di informare con chiarezza, con professionalità secondo le esigenze del cliente e con coinvolgimento dell’interlocutore.

Ha lavorato per la realizzazione del marchio per aziende importanti: Enimont, Italtel, Mezzaroma, Magneti Marelli, Anthilia. Il progetto di un marchio ha il compito di essere durevole nel tempo e di voler comunicare i valori dell’azienda.

Si è occupato di realizzare l’insegna di alcuni ospedali milanesi quali l'Istituto Europeo di Oncologia (IEO), il Policlinico Mangiagalli, l’Ospedale di Niguarda. Poter progettare la segnaletica di un luogo ospedaliero, organizzare e gestire il flusso di persone in entrata e in uscita.